Windows Phone Italy Hi-Tech Italy Mamme Domani inGame Sport 24 Ore Android Italy inGusto inDonna inApple   

Hi-Tech Italy

  • Amministrazione
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

In Rilievo

Vuoi collaborare con Hi-Tech Italy come articolista o come moderatore del forum? Mettiti alla prova: leggi qui come fare.

Tutte le news sui sistemi operativi per personal computer: Windows, Mac OS e Linux.

In Video

Seguiteci su Facebook

Vi aspettiamo sulla Pagina Facebook di Hi-Tech Italy per commentare le news, dire la vostra, chiacchierare, confrontarci e partecipare a contest e sondaggi Smile

 

Home News Varie Yahoo!: ancora polemiche sul CEO Marissa Mayer. E l'acquisizione da Verizon si complica

Yahoo!: ancora polemiche sul CEO Marissa Mayer. E l'acquisizione da Verizon si complica

E-mail Stampa PDF
Yahoo nuovo logoAbbiamo già più volte evidenziato come i problemi vissuti da Yahoo! negli ultimi anni siano stati molteplici, a partire da una concorrenza sempre più pressante che ha eroso le quote di mercato del colosso di Sunnyvale che, insieme ad una mancata risposta adeguata ha contribuito a rendere sempre meno competitiva l'azienda, che dopo aver puntato tutto sull'entrata in scena del nuovo amministratore delegato, ex dipendente di Google, Marissa Mayer, tra acquisizioni e rivoluzioni interne di vario genere, non è riuscita ad ottenere i risultati sperati portando di recente la multinazionale a prendere una decisione importante come la cessione del suo core business a Verizon Wireless per una cifra che sfiora i 5 miliardi di dollari.

L'accordo con il colosso delle telecomunicazioni statunitensi, di fatto, è stato concluso e si attende solo di ultimare l'acquisizione, ma la situazione nelle ultime settimane è radicalmente cambiata rispetto al passato, mettendo Yahoo! e il suo CEO al centro di discussioni importanti che la vedono protagonista di fatti tutt'altro che trascurabili, talmente tanto che, secondo le prime indiscrezioni, Verizon avrebbe chiesto adesso uno sconto di 1 miliardo di dollari rispetto alla cifra iniziale di acquisizione fissata a 4.8 miliardi di dollari.

Yahoo Marissa Mayer

I problemi sono iniziati in seguito a quello che è stato definito uno dei furti di dati più grandi di sempre, che hanno i dati di accesso di almeno 500 milioni di account Yahoo! in vendita sul deep web, in seguito ad un attacco
hacker che, sfruttando una vulnerabilità dei server, potrebbe aver portato al furto dei dati. A questo si sono aggiunte le accuse, rivolte a Yahoo! da un report di Reuters, che accusa il colosso di Sunnyvale di aver collaborato con i servizi segreti statunitensi fornendo l'accesso a centinaia di milioni di email degli utenti mettendo così a rischio la privacy di milioni di persone.

Come se già questo non fosse abbastanza, adesso si aggiungono nuove accuse rivolte direttamente a Marissa Mayer. Un ex-manager di Yahoo! ha deciso di fare causa al CEO di Yahoo! accusandola di aver adottato delle politiche interne discriminanti nei confronti degli uomini, tanto da portare al licenziamento dello stesso manager nel 2015. Stando alle prime indiscrezioni, tutti questi elementi sorti in seguito alla conclusione dell'accordo di acquisizione da parte di Verizon, avrebbero spinto la società di telecomunicazioni a chiedere un importante sconto di almeno 1 miliardo di dollari. La decisione deriverebbe dal fatto che, tutti questi problemi portati alla luce nelle ultime settimane, sarebbero in realtà stati a conoscenza dei veritici di Yahoo! già da molto tempo, ma la società avrebbe preferito tenerli nascosti per non inficiare le trattative.

Non essendo al momento disponibili conferme ufficiali al riguardo, è tuttavia necessario attendere per scoprire cosa accadrà.

Fonte: CNET



Ti è piaciuto questo articolo? Registrati sul portale per commentarlo oppure discutine nel Forum di discussione.
Per ricevere tutti gli aggiornamenti del sito iscriviti alla newsletter o sottoscrivi il Feed RSS, oppure seguici in tempo reale su Twitter.
 
Acquista un iPhone 5 o un Samsung Galaxy scontati del 90%, aste al centesimo Bidscream

"Nessuna classe tecnologica è definibile 'hi-tech', e la definizione stessa varia con il passare del tempo, cosa che ha portato gli uffici marketing delle varie aziende a descrivere via via praticamente ogni prodotto come high tech"

Abbonati al Feed RSS Segui il canale YouTube Vai al Forum di discussione
Seguici su Twitter Diventa Fan su Facebook Seguici su FriendFeed
Diego Magnani è Microsoft MVP - Windows Mobile

Windows Phone Italy fa parte del gruppo Mobius di Microsoft

Magicland
Miragica

Website Translation

English French German Italian Portuguese Russian Spanish

Sondaggi

Quale vorresti fosse l'argomento della prossima rubrica di Hi-Tech Italy?
 





Cerca un Prodotto:

QR Code

QR Code di Hi-Tech Italy

Chi è online

 1291 visitatori online

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno, accetti il servizio e gli stessi cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information